giovedì 3 gennaio 2013

Colazione: Plumcake light all'arancia.

Ed eccomi qui a cercare di mantenere il buon proposito per il 2013 con una nuova ricetta.

Non so voi ma dopo queste festività in cui non s'è fatto molto altro che mangiare, il mio cervello la mia panza la mia coscienza, incentivate dal controllo che si avvicina inesorabile, hanno deciso di mettere al bando burro, panna, grassi vari in favore di qualcosa di più leggero.

Certo che dopo tante bontà rassegnarsi alle fette biscottate a colazione è dura.
Per cui mi sono decisa per un dolce light.

Chi di voi non è andato almeno una volta in rete alla ricerca della ricetta giusta? Un dolce buono profumato gustoso ma leggero.
E così digiti light con il cuore gonfio di speranza e ti vengono fuori taaaanteee ricette ma scorrendo l'elenco degli ingredienti non è raro imbattersi in burro, panna, uova a gogò e zucchero come se nevicasse.

Eih non avevamo detto LIGHT???

Eppure ieri sera mi sembrava di aver trovato la ricetta giusta, peccato che nella descrizione del procedimento apparissero ingredienti non menzionati nell'elenco quali olio e burro e così mi sono ritrovata con 2 uova sbattute con 180 gr di zucchero ma per il resto mi è toccato improvvisare ed è andata bene.


Plumcake light all'arancia

2 uova intere
180 gr di zucchero semolato
2 arance piccole non trattate
200 gr di farina autolievitante
125 gr yogurt bianco magro (volendo potete sostituirlo con uno intero e del gusto che preferite, agrumi o albicocca per me sono i migliori per questo tipo di dolce)
1 bustina di vanillina

Il procedimento è molto semplice.
Sbattete a lungo le uova con lo zucchero fino a farle diventare chiare e spumose, aggungete la scorza grattugiata grossa e il succo delle vostre arance, e lo yogurt.
Infine la farina e la vanillina setacciate, il composto deve risultare non troppo liquido quindi nel caso aggiungete un cucchiaio di farina.

Distribuite il composto in uno stampo da plumcake, io ne ho trovati di praticissimi in carta usa e getta al supermercato, e con un coltello praticate un'incisione lungo tutto il dolce.
Infornate a 170° per almeno 40 minuti, ma controllate sempre e non dimenticate la prova stecchino.


Il dolce che sfornerete sarà profumato, non eccessivamente dolce e sicuramente dieta-friendly, certo non essendoci ne burro ne olio ne altri grassi "pesanti" non può essere considerato un dolce da consolazione ma ottimo per la colazione.
State molto attenti a non cuocerlo troppo così verrà soffice come lo vedete in foto, la mia paura era che venisse spugnoso, quindi di nuovo attenzione alla cottura.



Ed ecco qui la mia colazione, un velo di marmellata e inizia quest'insolita bellissima giornata piovosa a casa con il mio bimbo causa nonna-baby-sitter virussata porella.

 




3 commenti:

Unknown ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
malvidia ha detto...

Ma che bello ritrovarti qui!!! Sono felicissima!!!
Il dolce dev'essere buonissimo, proverò a farlo... Ma l'incisione con il coltello va fatta solo in superficie?

CriCri ha detto...

Grazie Malvi!
allora io per l'incisione vado con la punta del coltello appena sotto la superficie ;)
Oggi è ancora sofficissimo, quindi continuo a promuoverlo ma se lo vuoi appena più dolce o goloso aggiungi poco poco zucchero o sostituisci lo yogurt con uno intero all'albicocca :*